F1 | Diagnosticato cancro a Murray Walker

Londra, 18 giugno 2013 – La notizia è arrivata ieri in serata e ha gettato subito un velo di tristezza a tutti gli “addetti ai lavori” del paddock della Formula 1. A Murray Walker, leggendario telecronista della BBC, è stato diagnosticato un cancro al sistema linfatico. Ironia della sorte la notizia arriva proprio a meno di 2 settimane dal Gran Premio di Gran Bretagna a Silverstone dove Murray Walker ha già fatto saper che non sarà presente e non commenterà l’evento (la BBC anche se non più ufficialmente segue con molto interesse la F1).

Murray Walker, 89 anni,  iniziò la carriera di commentatore giovanissimo seguendo corse in salita, motocross e motociclismo su pista ma la sua popolarità è legata alla Formula 1 in quanto divenne commentatore ufficiale della BBC agli inizia degli anni ’70. Tuttavia Murray Walker si divise in quel periodo su 2 fronti, seguendo anche motociclismo oltre alla Formula 1 ma nel 1978 divenne commentatore a tempo pieno per poi ritirarsi nel 2001 (ultimo suo commento Gp degli Stati Uniti a Indianapolis) .

Leggendario il suo stile ironico, appassionato, professionale ma sopratutto dalle sue parole si evinceva sempre tanto entusiasmo ma anche un distacco nel dare i giudizi anche quando era palese la colpa di un pilota in particolare (Adelaide 94 ne fù un esempio), nella proprio mansione ed è diventato un esempio per tutti i telecronisti di oggi.

Murray Walker commenta così nel sito della BBCHanno scoperto il cancro dopo che lo scorso mese mi sono rotto il bacino in vacanza ed è cresciuto in maniera molto veloce. Tuttavia – prosegue Murray Walkerdovrò prepararmi a vari cicli di chemioterapia e i medici hanno detto che è recuperabile”.

Per citare uno dei suoi famosi “Murrayismi” le diciamo “One lights, two lights, three lights, four lights, five lights…… five lights….. and is GO! GO! GO! GO!” inizia la tua gara più difficile FORZA MURRAY!


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Luca Sarpero

28 anni di vita e 29 passati ad amare la Formula 1. Senza se e senza ma. Amante del web per passione, storico di F1 per vocazione.

Lascia un commento