sabato, Ottobre 1, 2022

F1 | Marketing 10 (anni) – Spettacolo 0

Roma, 14 maggio 2013 –  Se qualcuno pensava che con l’introduzione delle attuali Pirelli -pericolose oltre modo- la Formula 1 e la FIA avessero toccato il fondo, evidentemente non ha saputo di quanto è successo nel post- gara del GP di Spagna.

La corsa è stata vinta dal pilota di casa Fernando Alonso il quale, dopo aver tagliato il traguardo, ha impugnato una bandiera spagnola passatagli da un commissario. Un gesto simbolico e tradizionale per i piloti, che però non è destinato a durare. Dopo la premiazione infatti un ufficiale di gara ha sporto reclamo nei confronti dell’asturiano per aver introdotto nella monoposto un oggetto personale che potrebbe celare al suo interno una zavorra, con lo scopo di alterare il peso complessivo.

A parte il fatto che una volta sceso il bicampeòn ha lasciato “l’oggetto misterioso” ad un meccanico, senza avere la possibilità di alterare alcun valore, ma soprattutto si tratta di un piccolo frammento di stoffa da nemmeno 100 grammi. La paura della Federazione probabilmente risiede nella possibilità che la pezza potesse contenere chissà quale ingiuria o messaggio scomodo che contravverrebbe alla campagna “politically correct” portata avanti da Jean Todt in primis.

A questo punto è lecito chiedersi se la spontaneità faccia ancora parte del Circus; la risposta, facilmente intuibile, è no. Gli esempi sono molti: i team radio criptati prima di essere mandati in onda, magari “ripuliti” o tagliati, l’obbligo di mantenere un linguaggio poco emotivo ma soprattutto – da questo fine settimana – contenersi nelle esultanze. Tra qualche gara probabilmente sarà anche vietato alzare il braccio al cielo prima di entrare in pit-lane.

Gli uomini FIA evidentemente stanno tentando di rendere bionici non solo i mezzi ma anche i piloti, e prima ancora gli uomini. Uomini, perchè non va dimenticato che sotto la tuta ed il casco simil-Iron Man, si nascondono un cuore, un cervello e delle emozioni. Con questo processo di robotizzazione mai nasceranno i nuovi Gilles Villeneuve ed Ayrton Senna; in grado di diventare la speranza dei propri paesi.

L’ultima spiaggia sarà l’introduzione dei piloti automatici in una Formula 1 progressivamente più fredda il cui scopo non è più attirare masse, ma vendere il prodotto. E’ per questo che nello scontro tra Marketing e Spettacolo, il secondo perde dieci (anni) a zero.

Ultimi articoli

3,652FollowersFollow
1,150SubscribersSubscribe