giovedì, Settembre 29, 2022

F1 | GP Bahrain 2013 – Le prove libere

Sakhir, 19 aprile 2013 – Riassunto della giornata di prove libere al Bahrain International Circuit, alla periferia di Manama, capitale dell’isola del Golfo Persico. A spiccare sono le Ferrari e la Lotus di Raikkonen.

La prima sessione di prove libere è stata abbastanza avara di emozioni in quanto, per un’ora abbondante, i piloti erano restii ad entrare in pista. La causa, da queste parti, è sempre la stessa: sul tracciato è presente un velo d’asfalto molto fastidioso e non gradito ai driver che cercano sempre di aspettare fino all’ultimo istante possibile prima di lasciare i propri box. Ad ogni modo a svettare nella prima sessione sono i due piloti Ferrari con Massa davanti ad Alonso e, insieme, più avanti di un decimo rispetto a Nico Rosberg con la Mercedes e a Sebastian Vettel su Red Bull-Renault. Difficili le valutazioni sulle tipologie di test effettuati da tutti. Ad ogni modo c’è da segnalare che, per questa sessione di libere, la Caterham-Renault ha schierato il finnico Heikki Kovalainen, ex del team. Evidentemente i problemi ci sono e nel team sperano che l’apporto di esperienza del loro vecchio uomo di punta possa aiutarli a cercare di risalire la china. Brevissima apparizione – 7 giri prima di un problema tecnico – anche per Rodolfo Gonzalez, pilota venezuelano il cui cartellino è proprietà del team Marussia.

La seconda sessione comincia con la pista che, udite udite, si stava asciugando da un breve scroscio d’acqua caduto qualche minuto prima nel deserto. Ad ogni modo la temperatura di 30°C e la tipologia di asfalto fanno sparire ben presto le tracce di questo fenomeno. Il nuovo turno di prove libere vede i piloti girare in long-run al fine di simulare la gara di domenica. Molte le lamentele via radio riguardo le gomme che improvvisamente finiscono -specialmente le medie- ed il grip sulla monoposto viene perso. Raikkonen -miglior tempo nella seconda sessione- è apparso veramente veloce con le PZero White Medium, specialmente nei primi giri della mescola ma la Ferrari non è molto lontana. Anzi, i tempi delle due rosse -quarta con Alonso a 150 millesimi e sesta con Massa a quasi 400 millesimi- sono stati eccellenti anche con gomme usurate di 14/15 giri. Da non sottovalutare anche le due Red Bull, che con Webber e Vettel hanno ottenuto il secondo e il terzo tempo di sessione. Scomparse, invece, le Mercedes che nelle prime tre gare avevano dato prova di essere veloci, almeno sul giro singolo.

A fine libere Massa ha dichiarato: “Spero il passo della Ferrari sia da vittoria. Con la Media non siamo riusciti a migliorare tanto. La macchina – spiega il brasiliano ai microfoni di Sky – aveva una buona reazione, c’è un’usura molto alta sulle gomme posteriori ma non solo per noi. La Ferrari si e’ comportata bene con le gomme medie, mentre con le dure e’ ancora da vedere”.

Si preannuncia una gara molto tirata e combattuta.

I tempi della prima sessione:

Bahrain-FP1

I tempi della seconda sessione:

Bahrain-FP2

Francesco Svelto
Francesco Svelto
Non un tifoso della F1... ma un appassionato di tutto ciò che è pure-racing a 4 ruote! Nota bene, ho scritto "pure-racing".

Ultimi articoli

3,652FollowersFollow
1,150SubscribersSubscribe