F1 | La Lotus nonostante la pioggia prova il DRD

Barcellona, 28 febbraio 2013 – Nonostante la pioggia caduta sul tracciato catalano di Barcellona la Lotus prova ugualmente, per la prima volta quest’anno, il dispositivo DRD.

Il sistema che riuscirebbe a far stallare l’ala posteriore, senza utilizzare il movimento dell’ala mobile del DRS, quest’anno culla nuova Lotus E21 no  era stato ancora provato. Pur con un asfalto viscido e quindi con un’aderenza precaria la squadra di Enstone ha voluto ugualmente testare il DRD. Le due orecchiozze ai lati dell’air-scoop dopo, sono state finalmente aperte e Romain Grosjean ha potuto provare lo stallo dell’ala sulla nuova E21, cosa che, vista l’uscita di pista nella mattinata, deve avergli creato qualche problema.

Questo il video della sua escursione sull’erba.

Il team anglo-francese ha poi provato il DRD (Drag Reduce Device) modulando la quantità d’aria che poteva entrare nei condotti, applicando del nastro adesivo sulle due orechiozze, vedi foto sopra in apertura.

Cosa che ha lasciato perplessi è l’assenza di un periscopio sull’ala posteriore, mezzo che servirebbe per portare l’aria all’ala e poterla poi mandare in stallo. Per rivedere il funzionamento del DRD vi segnaliamo questo articolo

Twitter:

@f1sportit

@antoniogranato


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Antonio Granato

F1 Freelance Technical Analyst - AME-Aircraft Maintenance Engineer - Ideatore e Coordinatore di F1sport.it - Ideatore e radio-conduttore di #PitTalk - Blogger ilfattoquotidiano.it - collaboratore di Autosprint Twitter: @antoniogranato

Lascia un commento